TIA “TIRI INTERNAZIONALI DELL’AMICIZIA” 2019

Sabato 7 settembre un gruppo di tre soci della Sezione UNUCI di Gallarate ha partecipato al 26° Trofeo “TIA”, competizione di tiro militare internazionale intitolata “Tiri Internazionali dell’Amicizia”, che si svolge ogni anno presso il Poligono di Bernex (Cantone di Ginevra in Svizzera).

La competizione, di grandissimo prestigio e molto ben gestita, è organizzata dall’AORSL francese in collaborazione con la Société Militaire de Genève, la Société Centrale de Tir Militaire de Genève e la Sezione UNUCI della Svizzera Romanda. Alla gara hanno partecipato numerosissimi tiratori (180 in tutto!) fra militari in servizio, della Riserva ed in congedo di tutta l’Europa.

Il Trofeo è articolato su cinque prove per un totale di 60 colpi, che si affrontano utilizzando cinque armi militari svizzere.

In particolare sono stati presentati tre esercizi con arma lunga a 300 metri (con i fucili d’assalto SIG FASS 90, FASS 57 ed il precisissimo “moschettone” Karabine K31) e due con arma corta, utilizzando le pistole semiautomatiche SIG 220 a 25m e la SIG 210P alla distanza (molto impegnativa) di ben 50m !

La squadra UNUCI, battezzata “Ares” era composta dal Ten. A. Guirreri, dal CM R. Riniti e dal Sig. A. Stagnoli.

Il team di UNUCI Gallarate
Il team di UNUCI Gallarate

Ottimi i risultati del team “Ares” che si è rivelata la migliore tra le pattuglie italiane.

Su un totale di 52 equipe, infatti, ha conquistato il 6° posto assoluto accumulando 1141 punti sui 5 esercizi e un meritatissimo 4° posto assoluto nella combinata delle armi lunghe (con 656 punti) … ad un solo punto di differenza dal team svizzero “ASSO GENEVE 3” che è stato premiato sul podio.

Buoni anche i risultati individuali, che hanno visto un quarto posto assoluto (con punti 240/300) del Ten. A. Guirreri nella “combinata” delle tre armi lunghe.

Infine è stato riconosciuto il brevetto “Argent” di «Maîtrise aux armes de guerre» al Ten. A. Guirreri ed al Sig. A. Stagnoli, per aver superato il punteggio di 375/500 su tutte cinque le specialità.

 

Lascia una risposta